News

20 agosto 2017

La chiave della vittoria per Abascal Perez: “abbiamo sistemato la difesa nella pausa. La sfida col Basilea? Bella, anzi bonita!”

“Meglio il secondo tempo del primo? La lettura della partita è facile…”, scherza a fine partita il tecnico Guillermo Abascal Perez, alla terza vittoria consecutiva.

Analizziamo la partita, mister. Cosa non ha funzionato al meglio nel primo tempo? “Non abbiamo fatto bene la fase difensiva. Non possiamo aspettare la pausa, ci si deve correggere prima. È stato un problema di comunicazione, non stavamo marcando come si deve, nella pausa abbiamo corretto. Però svolgiamo un determinato lavoro tutta la settimana e per mancanza di comunicazione non possiamo metterlo in pratica durante il primo tempo, questo ci penalizza, e non si deve aspettare la pausa per trovare degli accorgimenti”.

Quanto le piace il Chiasso attuale? “È vero assomiglia sempre più a quello che voglio io, dopo 50 allenamenti e 6 partite: ma dobbiamo migliorare sempre. Siamo  una squadra giovane, con voglia di migliorare non ogni giorno, ma ogni pallone, ogni azione, c’è sempre disponibilità da parte dei ragazzi a progredire e questo fa sì che il nostro livello migliori continuamente”.

Non si incassano reti da tre partite, contento? “La difesa non prende gol perché noi vogliamo essere protagonisti della partita, attaccare, ma dobbiamo contemporaneamente difendere attaccando e attaccare difendendo, non si devono. Un giocatore non può pensare che per difendere deve arretrare di cinque o sei metri, deve subito essere cattivo sul diretto avversario. Per questo siamo arrivati spesso vicino alla porta contro il Wil, nel secondo tempo abbiamo aggiustato la difesa”.

Dalle prossime partite cosa si attende? “Mi aspetto che ogni partita sia difficile, siamo noi a doverla fare come vogliamo, a crearci l’opportunità di vincere, non conta contro chi. Io guardo noi, che dobbiamo migliorare e giocare a un livello ottimo”.

Farrugia è al terzo gol in tre partite consecutive, è il punto di riferimento ora in attacco? “Ribadisco quello che ho sempre detto, non c’è nessuno davanti a nessuno, abbiamo sempre cambiato per es la coppia di difensori centrali, siamo in 21 e tutti devono lavorare sempre per giocare”.

I cambi sono stati ancora una volta perfetti… Ceesay ha la capacità di attaccare profondità e giocare nello spazio ma non riceve palla se il livello difensivo non è buono. Cambi fortunati? No è il calcio, la fortuna è per l’avversario  vederci arrivare 17 volte sotto porta senza segnare”.

Cosa pensa della partita col Basilea? “Bella! Anzi, stavo per dire bonita”.

Interviste, News, Ultime notizie