News

27 agosto 2017

La delusione di Abascal Perez, “due punti persi, dovevamo segnare”

Quando uno sbaglia, nel calcio paga, e penso ai cinque contropiedi, con almeno un’opportunità nettissima per segnare. Il Wohlen ha calciato in porta due volte, il palo nel primo tempo e una nel secondo, poi nel finale non abbiamo vinto una seconda palla, facendo un fallo fuori tempo, che l’arbitro poteva non fischiare perché era scaduto il tempo, e con una punizione difficile da parare hanno segnato”. È un fiume in piena nel post partita mister Guillermo Abascal Perez, deluso per il pareggio agguantato dal Wohlen a pochi secondi dalla fine.

Dunque, due punti persi?Due punti persi, li abbiamo persi noi. Non abbiamo giocato molto bene, non abbiamo fatto bene il possesso palla e quando succede la partita ti dà la possibilità di fare contropiedi, noi l’abbiamo fatto ma abbiamo sbagliato troppo nell’area piccola. Dopo il nostro gol non abbiamo fatto bene, ma con le ripartenze nel secondo tempo dovevamo essere più cattivi, potevamo essere 4-0″

La delusione c’è ma sicuramente porta anche qualcosa di positivo da Wohlen, no? “Sì, devo ringraziare tutti i giocatori per lo sforzo, su un campo pesante e piccolo, la fatica è stata incredibile. Abbiamo totalizzato in questa parte di torneo due pari, due sconfitte e due vittorie, giocando contro le squadre favorite: in questo modo siamo a 8 punti, e alcuni li abbiamo persi noi: se la palla entra possiamo trovare il modo di vincere ogni partita. A Wohlen, eravamo in vantaggio fino quasi alla fine, pur non giocando bene, è positivo: dobbiamo però essere più cattivi”.

E come si fa? Ci siamo allenati sui tiri, sono però dettagli individuali di chi gioca. Io come allenatore li alleno per fare in modo che prendano la decisione giusta, quando arrivi in porta, nell’area piccola, devi sapere se devi calciare o passare ma non puoi perdere tempo, il calcio non ti lascia riflettere”.

Come mai ha cambiato Farrugia alla pausa? “Farrugia è stato tolto per decisione tecnica, doveva fare un lavoro che non stava facendo, e ho scelto un alto giocatore con caratteristiche diverse”.

Come sfrutterà la pausa? “Continuiamo col lavoro, se avessimo trovato il gol potevo dire che siamo sulla strada giusta, dobbiamo continuare così: le occasioni le creiamo, nel gioco siamo stati superiori alle altre quasi in tutte le partite. Non possiamo smettere di lavorare, queste due settimane ci permetteranno di lavorare sulla tattica e sui comportamenti, cosa che quando c’è il campionato è più difficile”.

Interviste, News, Ultime notizie