News

25 settembre 2017

Guillermo Abascal Perez, “siamo arrivati molto stanchi, però il primo girone è positivo. Questa squadra ha una fame incredibile”

È già finito un girone, un quarto di campionato va in archivio. Il Chiasso, pur uscito sconfitto da Vaduz, ha saputo regalare tante emozioni. Con il tecnico Guillermo Abascal Perez abbiamo parlato della sfida di ieri e delle prime nove (undici, calcolando anche la Coppa) partite disputate.

Mister, ieri la prestazione non è stata delle migliori. Come mai? “Abbiamo avuto tre partite in una settimana, con le prime due molto dure, abbiamo preparato la sfida di Vaduz per avere più ritmo rispetto a quando abbiamo affrontato l’Aarau, soprattutto all’inizio perché avevamo di fronte una squadra che ti lascia giocare. Abbiamo fatto bene per 18-19′, stazionando nella loro metà  campo, con due occasioni, soprattutto un cross sbagliato. Non è possibile o è comunque difficile vincere una partita se devi cambiare dopo mezz’ora e alla pausa perché non ci sono le prestazioni, questo ti cambia il piano partita. Non so se è anche colpa mia, non abbiamo gestito bene i minuti dei giocatori, loro hanno detto che erano pronti e abbiamo messo in campo la miglior formazione”. 

E dopo i cambi, è andata meglio? “Abbiamo comunque sofferto  a livello difensivo, siamo arrivati tardi su tutte le palle, penso per la stanchezza, perchè questa squadra ha una voglia e una fame incredibili, Ritengo che il problema siano state la stanchezza a livello mentale e fisico, arrivavamo sempre tardi a livello difensivo, mentre loro arrivavano in area con facilità , anche senza creare troppo pericolo. Siamo arrivati troppo stanchi, con tre partite intense in una settimana. Però perdere solo 1-0 avendo avuto due chiare occasioni da gol non mi fa essere soddisfatto ma se avessimo giocato in una settimana normale avremmo potuto essere abbastanza superiori a loro”.

Ha debuttato Hamadi, cosa ci dice di lui? “Ha fatto bene, era la sua prima a livello professionistico, ha una buona condizione, ha voluto sempre la palla, ha fatto dribbling e cross nel primo tempo, sbagliando solo un controllo a livello tecnico. La voglia di fare e l’intensità sono state buone, crescerà  con noi”.

Come diceva lei, tre partite in una settimana. Bilancio? “Se guardiamo i risultati non positivo, visto che ne abbiamo perse due in una settimana, ma giocavamo contro il Basilea e abbiamo fatto 83′ sul pari, con due uomini in meno, poi con l’Aarau abbiamo speso molto perché è una squadra che giocando coi lanci lunghi ti fa andare avanti e indietro stancandoti fisicamente, con il Vaduz dovevamo arrivare prima a segnare e poi gestire. In ogni caso, stiamo arrivando. Il primo girone ci ha portato 12 punti (anche se con la penalizzazione sono o, ndr) direi un bilancio positivo, potevamo averne quattro in più con quelli persi con Winterthur e Wohlen. La squadra sta crescendo, dobbiamo caricare le pile questa settimane e fare un secondo girone ancora migliore”.

Interviste, News, Ultime notizie