News

9 ottobre 2015

LIVE: #ChiassoInter

Un bel pomeriggio, conclusosi con una vittoria meritata: cosa chiedere di più all’amichevole di lusso che il Chiasso ha giocato contro l’Inter al Riva IV? Organizzata per festeggiare i 110 anni dei Rossoblù, l’atmosfera festosa e di grande attesa si è avvertita sin dall’arrivo dei primi tifosi, 2000 poi in tutto sugli spalti. Interisti agghindati con gadget della propria squadra in cerca di un selfie con i propri idoli, ma anche, e questa è una bella immagine, una famiglia che chiede gli autografi a ciascuno dei giocatori del Chiasso. La stampa estera che accorre per riprendere i Nerazzurri, tanti cellulari che scattano foto. E poi, la partita. Nell’Inter di Mancini, premiato assieme a Schällibaum da un fan club interista del Mendrisiotto, mancavano molti titolari, impegnati per lo più con le nazionali, ma in campo c’erano pur sempre Juan Jesus, Carrizo, Felipe Melo e l’applauditissimo Icardi, oltre a Biabiany. Un’amichevole, certo, ma nessuno ci sta a perdere. Il Chiasso, reduce da un periodo negativo, fa un figurone, costringendo il tecnico interista a cambiare più volte lo schema tattico, e passando meritatamente in vantaggio con l’ottimo Melazzi, che ha sfruttato un pallone servitogli su un piatto d’argento da Ciarrocchi. Nella ripresa, Schällibaum ha praticamente cambiato tutta la squadra, e uno scivolone di Madero ha permesso a Icardi, per la gioia dei fans Nerazzurri, di pareggiare. I Rossoblù, però, hanno mostrato di tenerci, eccome, a regalarsi e regalare una soddisfazione, e grazie a un errore del portiere neoentrato dell’Inter Berni Hassel ha messo in rete il più facile dei palloni, per il nuovo vantaggio. L’argentino, fascia da capitano al braccio nel secondo tempo, ci ha preso gusto, e con una punizione ha fissato il punteggio sul 3-1. Chiasso batte Inter, dunque, come qualche tempo fa ad Appiano Gentile. Termina con la pacifica invasione da parte di bambini che cercano uno scatto con i giocatori dell’Inter. Nel tunnel, clima di grande sportività con i giocatori di entrambe le squadre che si salutano e si scambiano sorrisi e magliette, con Icardi che, dopo una marea di foto ricorso, passa nello spogliatoio ospite. Una serata di calcio, dunque, vissuta col sorriso e con la voglia di confrontarsi con una compagine dal blasone incredibile, senza lo stress del risultato. Forse è quello che ci voleva per il morale di un Chiasso che nelle ultime partite ha faticato davvero troppo. Fra poco più di una settimana, si va a Bienne, e ci si augura che l’affetto-Inter dia una mano a risollevarsi dal momento difficile.

Ultime notizie

Leave a Reply