News

9 aprile 2017

Mister Giuseppe Scienza: “gli episodi ci hanno condannato. Nel primo tempo avevamo però contenuto bene lo Sciaffusa”

Una sconfitta netta, caratterizzata da episodi che, oggettivamente, avrebbero tagliato le gambe a chiunque. Mister Giuseppe Scienza salva il primo tempo, e parla di una “partita storta sotto tutti i punti di vista, abbiamo giocato male ma gli episodi ci hanno devastato”.

Si riferisce in particolare a quelli arbitrali, vero? “Abbiamo preso due gol, uno su una punizione che era da invertire e uno su un rigore dubbio, oltre a un fallo su Palma. La partita è finita sul 3-0, con un altro rigore contro e un uomo in meno. Lo Sciaffusa è una squadra in salute che ha sfruttato ogni singolo nostro errore. Non eravamo al completo e abbiamo pagato al 100% gli episodi. Nel primo tempo pur facendo fatica avevamo limitato bene lo Sciaffusa, subendo poco, poi una punizione e un rigore ci hanno condannati”.

Il 3-0 è stato la mazzata definitiva, concorda? “Quando ti trovi sotto 3-0 con un uomo in meno e due rigori contro diventa difficile, contro una squadra come lo Sciaffusa che coi rinforzi di gennaio è diventata una compagine che c’entra poco con la zona salvezza. Ha fatto una buona partita, parlando anche con loro hanno ammesso che è girato tutto bene, hanno sbloccato subito. Volevo arrivare alla pausa con uno svantaggio minimo, il rigore e l’espulsione poi, nonostante fossimo partiti benino, hanno fatto finire la partita”.

C’è in ogni caso qualcosa da salvare, in questa partita? “Prima del 3-0 la partita non era così disastrosa. Non stavamo facendo bene, però avevamo preso le misure, avevamo allentato una parziale pressione loro, e nel primo tempo a parte i due gol abbiamo subito qualche mischia, nulla di che. Non eravamo brillanti come al solito ma poteva rimanere una sfida equilibrata. Nel secondo tempo siamo partiti benino, poi c’è stato un errore di valutazione sul rigore, l’arbitro ha detto che Guatelli ha mirato l’uomo mentre non è assolutamente vero, poteva dare il rigore senza espellerlo”.

Una sconfitta così lascerà strascichi? “Spero di no! Tutti me lo chiedono… Quando vinci non hai risolto niente, e qui vale la stessa cosa, non ogni volta che si perde ci sono conseguenze. Vittorie e sconfitte vanno metabolizzate, bisogna lavorare sugli errori. Ora speriamo di recuperare gli infortunati”.

A proposito, come stanno? “In settimana vedremo. Non erano presenti dunque non stavano bene, da martedì valuteremo, augurandoci di riuscire a recuperare qualcuno”.

Interviste, News