News

28 novembre 2016

Mister Scienza, “abbiamo sorpreso una super squadra”

Vince lo Zurigo, ma la capolista lo fa soffrendo contro un Chiasso grintoso. Mster Giuseppem Scienza, a fine gara, è soddisfatto. Una partita fotocopia rispetto all’andata, dove siamo andati sotto a inizio ripresa, concorsa? Sì, anzi abbiamo fatto molto meglio che a Zurigo dove già avevamo fatto bene. Nel primo tempo non abbiamo rischiato nulla se non su una punizione, abbiamo tenuto il campo in modo importante, siamo stati organizzatissimi e i ragazzi hanno rispettato alla lettera le consegne. Poi il gol ci ha rotto gli equilibri e siamo andati un po’ in difficoltà. Loro sono una super squadra, stasera dopo tutti i clamori della partita di Europa League hanno avuto un approccio un po’ meno intenso, però voglio pensare che siamo stati anche noi capaci di sorprenderli. Forse non si aspettavano un Chiasso così giovane ma così attento e applicato. Non è però servito per l’ennesima volta a portare a casa il risultato. Nessuno calcia in porta, perdendo l’attimo buono, come mai? C’è paura? Abbiamo avuto due-tre volte sia nel primo che nel secondo tempo la possibilità di tirare e non abbiamo calciato in porta, è vero. Fa parte del processo di crescita che stiamo vivendo, il gol per noi è difficile da trovare. Abbiamo giocato con due punte, poi siamo andati al 3-4-1-2, infin 3-4-3, eravamo offensivi, ma non è detto che più attaccanti hai più gol fai. Devo mantenere gli equilibri e infatti l’unica cosa non bella che abbiamo fatto è stato allargarci e allungarci a metà campo sul primo gol, squadre come lo Zurigo non perdonano. Oggi ha giocato molto bene Abedini, è lui la sorpresa della serata? Non ho paura a buttar dentro i giovani, anche Delli Carri è stato straordinario. Questa partita ci deve trasmettere un valore in più. Bisogna aver coraggio, qui la vita è dura. Abbiamo un gruppo forte, una società che si sta vicina e ci sta aiutando in tutto e per tutto e noi stiamo dando il massimo per regalare soddisfazioni ai tifosi. Serve la forza di vedere il bicchiere mezzo pieno, perché concentrarsi sulle negatività sarebbe sbagliato e ingiusto per quanto stiamo facendo. Ed ora Sciaffusa.. Se a Sciaffusa saremo quelli di stasera non andremo a perdere. Il Chiasso, nonostante la giovane età, andrà per vincere e fare battaglia vera, così ci sono i presupposti. Rinforzi? Sono fiero dei miei ragazzi. Siamo ultimi, è vero, ed è facile criticare, ma sarebbe più dignitoso conoscere le difficoltà con cui siamo stati confrontati. Il gruppo lavora con orgoglio.

Interviste, Ultime notizie

Leave a Reply