skip to Main Content

Chiasso-Aarau Story

  • News

Dopo l’ottimo pareggio colto contro il Winterthur fuori casa, il Chiasso torna fra le mura amiche, alla ricerca dei primi punti. Lo farà contro una compagine infarcita di ex e per di più arrabbiata dopo l’ultima sconfitta, subita dal Wil davanti al pubblico amico (che si somma a quella incassata dal Servette). C’è tanto del passato Rossoblù, in effetti, nell’Aarau. Da Ulisse Pelloni, rientrato in Argovia dopo il prestito e autore di sole due partite (il titolare è Bucchi, arrivato dal Lucerna in estate) a Denis Markaj, non ancora sceso in campo, passando per Michael Perrier che invece è titolare fisso, arrivando a Alessandro Ciarrocchi, a segno tre volte. Senza scordare, ovviamente, mister Schällibaum, che lo scorso anno lasciò a campionato in corso i chiassesi per sostituire Bordoli (un altro ex…) sulla panchina argoviese, e il direttore sportivo Ponte. Il bomber ex Chiasso è il secondo giocatore più prolifico della rosa, seguito da Patrick Rossini a quota 2. Meglio di loro ha fatto un altro nuovo acquisto, Tréand, sceso dalla Super League e già 4 volte in rete. Perdere col Wil ha impedito agli argoviesi di fare un bel salto in classifica: con una vittoria, avrebbero scavalcato proprio i sangallesi, avvicinandosi al Neuchâtel secondo. L’Aarau ha la terza miglior difesa e il quarto miglior attacco, dunque in linea con la sua classifica. Calcolando solamente le partite interne, i ragazzi di Schällibaum resterebbero quarti, mentre fuori casa faticano un po’ di più, avendo vinto solo due volte. Le due compagini si sono incontrate alla prima giornata, e al gol di Rossini dopo un quarto d’ora del secondo tempo rispose Monighetti quattro minuti dopo, per il primo punto per entrambe. Come detto, i numerosi ex sono tutti nelle file argoviesi: Schällibaum, Ponte, Pelloni, Markaj, Perrier e Ciarrocchi. Chiasso per trovare la prima gioia in casa, Aarau per riprendere la marcia dopo due sconfitte. Appuntamento alle 17.45 al Riva IV!

Back To Top