News

21 agosto 2016

#ChiassoLeMontAiRaggiX

Quando sai di aver dato tutto per superare le difficoltà che ti accompagnano giorno dopo giorno, uscire sconfitti dal campo fa, se possibile, ancora più male. Il Riva IV si sta dimostrando un tabù per il Chiasso, che invece che costruire davanti al proprio pubblico la salvezza perde la terza partita consecutiva, dopo le due vittorie fuori casa. E pensare che la sfida era cominciata come meglio non si poteva, con Mujic che già al 5′ aveva siglato la rete del vantaggio. Peccato che pochissimi minuti dopo un cross di Mobulu si è trasformato, con una strana traiettoria, in un tiro, che ha battuto Guatelli, il quale nell’incredulità generale si è visto il pallone passargli fra le mani. Il Chiasso ha comunque provato a spingere, lottando contro una squadra decisamente meglio piazzata fisicamente. Il centrocampo Rossoblù, formato da pesi leggeri, ha faticato e non ha saputo dare la spinta giusta alla squadra. Ciò nonostante, nel primo tempo prima Simic con un rasoterra che ha attraversato tutto lo specchio della porta e poi Urtic con un colpo di testa alto sono andati vicini al 2-1. Punto del vantaggio che invece ha trovato il Le Mont a inizio ripresa, quando Sessolo è sfuggito alla marcatura di tre uomini e ha battuto Guatelli, mandando ko il Chiasso, che mentalmente non è più riuscito a riprendersi. La superiorità fisica avversaria non ha più permesso a una compagine ormai intimorita di mettere sul terreno di gioco idee vincenti. Sono stati gli ospiti a colpire un palo e una traversa nella stessa azione, mentre il Chiasso reclama per un rigore non dato su Padula che però non è caduto. Fa tre su tre, dunque, al Riva IV. Una sconfitta che demoralizza, per come è venuta, e perché casa propria dovrebbe essere un fortino, invece costruire e imporre il gioco per questo Chiasso è difficile. L’inesperienza c’è, sul fisico si sta lavorando, voglia e determinazione non mancano: si deve archiviare il Le Mont e pensare subito al Servette. pb

>

Ultime notizie

Leave a Reply