News

6 aprile 2018

Il presidente risponde ai tifosi

Il sito di lettori del Chiasso ilmiochiasso.ch nei giorni scorsi ha pubblicato dieci domande, dirette da un fan alla dirigenza. Il presidente Maurizio Cattaneo ha voluto replicare pubblicamente: ecco le sue risposte.

“Caro G.C.

domandare è lecito, rispondere è cortesia

Il nuovo presidente Cattaneo, che tanto vorrebbe riportare la gente allo stadio, pensa di farlo a suon di prestazioni imbarazzanti come quella di ieri? Per quanto attiene all’imbarazzo penso che una prima risposta l’hai avuta nel frattempo. Non è la soluzione ma la prova che stiamo cercando di salvare il salvabile. Speravamo di poterci concentrare sulla prossima stagione… Ormai c’è già chi si tocca quando mi vede arrivare. Poi per riportare di nuovo la gente allo stadio ci vorrà tempo e magari potete darci tutti una mano, visto che lo facciamo per amore per il club.

Cosa pensa la dirigenza nel vedere i suoi giocatori sfoggiare calzoncini/training di altre società in eventi pubblici o sui social? È normale tutto ciò? Non esiste una tuta con i colori sociali per cui si è stipendiati? Sempre parlando di social, cosa pensa la società dei post dei giocatori pubblicati prima e dopo le partite? È anche vero che l’esempio dovrebbe venire dall’alto: questi episodi ci sono già stati segnalati e abbiamo preso dei provvedimenti nei confronti degli interessati. Parliamo di gente ormai adulta che si definisce professionista con la quale faremo i conti a fine stagione. Purtroppo è mancata un po’ di disciplina nello spogliatoio.

L’utilità di ingaggiare giocatori a mercato chiuso è quella di prendere più like da Honk Hong? La società per sopravvivere deve fare business, con questo si coprono i deficit: se son rose fioriranno… e lasciamo lavorare chi conosce il mestiere senza giudicare a priori.

È normale che giocatori appena arrivate dall’altra parte del mondo vengano abbandonati a sé stessi durante le festività di Pasqua? Abbiamo verificato la situazione, innanzitutto il giocatore ha un procuratore e ci risulta abbia degli amici a Milano. Quello che fa nel suo tempo libero francamente è affar suo e non possiamo accudire 25 giocatori. Se poi qualcuno di voi l’ha accolto sono ben felice, così conosce anche qualcun’altro al di fuori del campo. In tutti i casi non l’abbiamo lasciato per strada: ha un appartamento e riceve i pasti, se li desidera.

Baldo Raineri ha uno speciale contratto da traghettatore in seno al FC Chiasso? L’accordo con Raineri scade a fine stagione. Visto quanto fatto lo scorso anno e dato che si è proposto spontaneamente e senza pretese era la cosa più logica da fare.

La vicinanza alla gente tanto sbandierata da voi, si riduce al fare aperitivi ai quali la “dirigenza sportiva” non si degna neanche di partecipare? Questione già discussa e devo essere sincero, se devo partecipare ad un aperitivo e mi arrivano secchiate di critiche da destra e da sinistra come l’ultima volta, allora lasciamo perdere. Io voglio riportare allo stadio quelli che portano critiche costruttive e magari delle soluzioni o, meglio, che si adoperano per lo stesso obiettivo comune e ci danno una mano.

C’è per caso qualche premio speciale offerto dalla Swiss football League per chi prende più espulsioni nei campionati professionistici? Ah ah ah! il giocattolo si è rotto e abbiamo capito alla fine perché. Ora cerchiamo d’arrivare a giugno limitando i danni.

Come mai da un giorno all’altro i capitani diventano panchinari e viceversa a “tribunari” si fanno 3 anni di contratto? La dirigenza ha la buona abitudine di non fare la formazione per cui le scelte del mister venivano discusse ma rispettate perché lui se ne assumeva la responsabilità. Abbiamo visto i risultati.

Per le buvette del Riva IV (siamo alla 27esima di campionato e non c’è ancora la moneta per il resto) avete ingaggiato un ristoratore o dei clown? Anche noi non siamo soddisfatti, ma è stato firmato un accordo che dobbiamo rispettare. A fine stagione vediamo con il gestore cosa fare.

Ora una domanda la faccio io a te e a tutti gli amici del miochiasso.ch:

Perché non provate una volta a mettervi nei nostri panni? Io sono nuovo e non faccio testo, ma provate ad immaginarvi a gestire un’azienda di 30 collaboratori professionisti 10 volontari con un solo direttore generale, una segretaria e un team manager.  Sono sicuro che dopo una settimana tanti getterebbero la spugna, ve lo assicuro!  Bignotti Santo Subito!”

>

News, Ultime notizie