News

18 aprile 2018

Il Wil nel 2018 ha cambiato passo, grazie a innesti importanti. Ma segna poco

E domani si torna in campo, si risale sul bus per una trasferta, per difendere i colori Rossoblù. Pensiamo a quanto è cambiato dall’ultima partita fuori casa: a Abascal era appena subentrato Raineri, il Chiasso doveva vincere a Wohlen a ogni costo, senza guardare nemmeno in fondo troppo il gioco, per rialzarsi. Poi c’è stata la vittoria in casa col Servette, una squadra prestigiosa, dove si è mostrata anche un’ottima prestazione. La fiducia è ora decisamente più alta: quanto può cambiare tutto in una decina di giorni!

Ora, il Wil, compagine con due punti meno dei Rossoblù, che viene da due pareggi consecutivi ma non vince da metà marzo, dopo aver vissuto un buon periodo, con tre successi filati, a febbraio (compreso quello contro il Chiasso).

A metà stagione, il Wil ha cambiato il portiere titolare, affidandosi a Zivko Kostadinovic, dal Le Mont. Due acquisti di peso sono stati certamente il difensore Von Niedershäusern, una vita nel Vaduz, che era andato negli USA per poi tornare in Svizzera dopo pochi mesi e Ivan Audino, di rientro dopo una stagione e mezza all’Aarau. Sono arrivati anche i giovane Hefti, già in campo in 6 occasioni, e Marvin Bumann, e il nordcoreano II Gwan Jong, che giocava già nel nostro Paese col Lucerna.

Innesti azzeccati, se è vero che nel primo scorcio del 2018 sono arrivati ben 20 punti, contro i soli 8 della prima parte di torneo!

I capocannonieri sono tre, con 4 reti a testa: Zé Eduardo, Vonlanthen e l’ex Cortelezzi, a 3 è fermo Savic, mentre Audino, nelle sue 10 presenze, ha già messo a segno 2 reti.

Numeri non altissimi, che giustificano il dato che vede il Wil con il peggior attacco della categoria: sole 27 reti siglate. Per contro, la difesa è la migliore fra quelle delle squadre della seconda metà della classifica, in cui è la compagine che ha pareggiato di più e perso meno. Ha un rendimento praticamente identico in casa e in trasferta, nel secondo caso però la posizione di classifica sarebbe ben migliore… In entrambi i casi, ha il secondo peggior attacco e, soprattutto lontano dalle mura amiche, una buona difesa.

Nelle prime due sfide, i Rossoblù hanno vinto due volte: la prima nettamente 3-0, con reti di Farrugia e, nel finale, Soumah e Fatkic, la seconda in una gara più sofferta, passando in vantaggio due volte con Ceesay e venendo ripresi in altrettante circostanze, prima del gol decisivo di Farrugia. Nell’ultima partita giocata, invece, il Wil si è imposto al Riva IV con Savic (da ricordare l’espulsione di Cvetkovic dopo pochissimi minuti).

Appuntamento domani alle 20.00 all’IPG Arena!

News, Ultime notizie ,