News

28 settembre 2016

Le statistiche del primo girone di Brack Challenge League 2016/17

Un quarto di campionato è ormai agli archivi. Sarà retorica dire che sembrava ieri che si ricominciava, dopo un’estate di allenamenti. Oppure si può affermare che il percorso del Chiasso è stato più lungo e complicato del solito. Che la giovanissima squadra di mister Scienza sta cercando piano piano un’identità. Ma a contare davvero sono i numeri, che oggi vedono i Rossoblù ultimi in classifica. I punti conquistati sono solo 5, frutto di una vittoria, quella di Wohlen, e di due pareggi, ad Aarau e Ginevra. In casa, purtroppo, zero punti. Ma chi sta sopra dista solo 2 punti. Promosso in Super League, al momento, sarebbe lo Zurigo. Si tratta della squadra che ha vinto di più, mentre quella che lo ha fatto di meno è proprio il Chiasso. L’Aarau comanda la classifica dei pareggi coi suoi 3, una serie di squadre ne hanno ottenuto uno. Come prevedibile, lo Zurigo non ha mai perso, Chiasso, Servette e Wohlen lo hanno fatto sei volte. La capolista ha anche il miglior attacco e la miglior difesa, invece le maglie nere spettano rispettivamente a Chiasso, Wohlen e Le Mont in un caso e Wohlen nell’altro. Se si guardano le gare giocate in casa, primeggiano ancora gli zurighesi, con cinque vittorie su cinque, imbattuti come l’Aarau (anche Xamax e Wil non hanno mai perso ma hanno giocato davanti al pubblico amico una volta in meno rispetto alle altre due). Gli uomini di Forte hanno il miglior attacco assieme al Neuchâtel non hanno subito neppure un gol. Agli antipodi Chiasso e Wohlen, che non hanno mai vinto, i Rossoblù addirittura sono stati sconfitti per cinque volte, e hanno la peggior difesa. Il peggior attacco spetta al Le Mont. Fuori casa, i numeri migliorano per i Rossoblù, che sarebbero ottavi. Primeggia ancora lo Zurigo, che con Aarau e Sciaffusa è la formazione che ha vinto di più (due vittorie anche per il Neuchâtel, lo Xamax e il Wil ma con una gara in meno), il Servette l’unica a non averlo mai fatto. Wil, Sciaffusa, Le Mont, Wohlen e Servette non hanno ancora pareggiato, per contro Chiasso, Winterthur e Le Mont l’hanno fatto due volte. I ginevrini sono stati sconfitti cinque volte, hanno il peggior attacco e la peggior difesa, dati simili a quelli dei ragazzi di Scienza in casa. Lo Zurigo non ha mai perso e ha incassato meno reti, il Wil ha l’attacco più prolifico. Il capocannoniere del torneo è sinora Jean-Pierre Nsame del Servette con sei gol, seguito da una quaterna di calciatori fermi a quattro gol: Tréand e Wütrhich dell’Aarau, Sadiku dello Zurigo e Demhasaj dello Sciaffusa. Tornando in casa Chiasso, il tecnico Scienza ha utilizzato 23 giocatori, compresi Hanachi e Rouiller ormai passati ad altre squadre. Guatelli, Felitti, Ivic e Milosavljevic sono gli unici ad aver giocato in tutte e 9 le sfide. Il capocannoniere della squadra è Deniz Mujic con 3 gol, oltre a lui hanno segnato una volta Monighetti, Lurati, Felitti, Lagrottera e Franzese. Solo Rauti è stato espulso.

>

Ultime notizie

Leave a Reply