News

28 agosto 2016

#ServetteChiassoAiRaggiX

Novanta minuti di sofferenza, col Servette subito avanti e che in svariate circostanze, non ultimo un palo, avrebbe potuto raddoppiare o addirittura dilagare. Il Chiasso è stato bravo a reggere, e a realizzare una delle due occasioni create nell’arco della sfida, arrivate entrambe nel finale. E Franzese a due minuti dal termine è riuscito a trovare un pari d’oro, magari non meritatissimo ma che manda la squadra in pausa decisamente più serena. Pronti via e Nsame ha ribadito in rete una palla che si trovava in area. Per mezz’ora, i ginevrini hanno sprecato una marea di occasioni: con Cademuro su corner, con Doumbia, con Alphonse fermato da Guatelli, con Nsame ancora, ancora una volta con Alphonse e Vitkieviez oltre a Sautiher. Prima della pausa, Scienza ha buttato nella mischia il giovanissimo Franzese, classe 1999, al suo esordio, al posto di un difensore come Fioravanti. Con l’andare del tempo, la difesa è divenuta a 4, con Felitti arretrato, e poi Urtic, che giocava davanti, è tornato sulla linea dei centrocampisti, in un 4-4-2. Al via della ripresa, un altro grande brivido per il Chiasso, con il palo colpito subito da Alphonse. Il Servette ha continuato a dominare, tirando frequentemente in porta. Nei Rossoblù, dentro anche Gui, nel Servette Besnard, che avrà un paio di occasioni. Poi nel finale, ecco il Chiasso, con un colpo di testa a lato di Monighetti e all’88’ Padula che ha messo in mezzo per Franzese, che ha raddrizzato le sorti del match. Un punto d’oro, dunque, per come è arrivato, per la classifica e per il morale. Ci sarà tempo, ora, per lavorare. pb

>

Ultime notizie

Leave a Reply